Confessa Челентано

Птицы, которые стали священниками Гипотеза происхождения украинского названия Иванок К происхождению итальянского названия сороки Птицы, окрещенные именами святых Дохристианское происхождение французского названия птицы oiseau Saint-Martin К происхождению французского названия воробья Христианское и дохристианское происхождения названий попугая в романских языках К вопросу про христианский антропоморфизм в романской орнитонимии Происхождение названия птицы Jean-le-blanc во французском языке Место и причина возникновения украинского названия птицы МАРТЫН Метафора у Витрувия (в соавторстве с А.А.Пучковым) Метафора у Катона Античные источники метафоры в произведениях Ореховского Метафоры, связанные с понятием Государство у Платона Глагольное словообразование у Вергилия Фонетическое значение в классической латыни (на примере Катулла)

Confessa Челентано

Confessa

Adriano Celentano

Mogol - G.Bella

(2002)

Su confessa amore mio
io non sono più il solo, l'unico
hai nascosto nel cuore tuo
una storia irrinunciabile
io non sono più il tuo pensiero
non sono più il tuo amore vero
sono il dolce con fondo amaro
che non mangi più.
Ma perché tu sei un'altra donna
ma perché tu non sei più tu
ma perché non l'hai detto prima
chi non ama non sarà amato mai
che ne hai fatto del nostro bene
è diventato un freddo brivido
le risate e le nostre cene
scene ormai irrecuperabili
io non sono più il tuo pensiero
non sono più il tuo amore vero
sono il dolce con fondo amaro
che non mangi più.
Ma perché tu sei un'altra donna
ma perché tu non sei più tu
ma perché tu tu non l'hai detto prima
chi non ama non sarà amato mai.
Quando viene la sera
e il ricordo pian piano scompare
la tristezza nel cuore
apre un vuoto più grande del mare
più grande del mare.

Ma perché non l'hai detto prima
chi non ama non sarà amato mai
che ne hai fatto del nostro amore
è diventato un freddo brivido
le risate e le nostre cene
scene ormai irrecuperabili
io non sono più il tuo pensiero
non sono più il tuo amore vero
sono il dolce con fondo amaro
che non mangi più.

Coro:
Ma perché non l'hai detto prima
chi non ama non sarà amato mai


 

 

 

 


Age, amor mi, confitere,

Non sum plus ego solus, unicus.

Abscondisti in corde tuo

Tu historiam irrifutabilem.

Non a te plus sensus ero,

Non a te plus amabor vero.

Sum dulcedo cum fond’ amaro

Quod non edis plus.

Sed cur altera es puella?

Sed cur tu non es tumet plus?

Sed cur tu non dixisti pridie?

Qui non amat, non et amabitur.

Quod fecisti pro nobis bene

Est inversum in frigus gelidum.

Risus nostri et nostrae cene

Scenae nunqu’ irrecuperabiles.

Non a te plus sensus ero,

Non a te plus amabor vero.

Sum dulcedo cum fond’ amaro

Quod non edis plus.

Sed cur altera es puella?

Sed cur tu non es tumet plus?

Sed cur tu non dixisti pridie?

Qui non amat, non et amabitur.

Cum adveniat vesper

Et permittat oblitui dare,

Tum tristiti’ in corde

Ap’rit vacuum maius quam mare,

Maius quam mare.

Sed cur tu non dixisti pridie?

Qui non amat, non et amabitur.

Quod fecisti pro nostr’ amore

Est inversum in frigus gelidum.

Risus nostri et nostrae cene

Scenae nunqu’ irrecuperabiles.

Non a te plus sensus ero,

Non a te plus amabor vero.

Sum dulcedo cum fond’ amaro

Quod non edis plus.

 

Chorus

 

Sed cur tu non dixisti pridie?

Qui non amat, non et amabitur.